+ di 3000 recensioni certificate •  Spedizione gratuita sopra i 50€ in tutta Italia

Skin care passaggi: quali sono, come farli, per quante volte

La skincare è più di una beauty routine, identifica uno stile di vita, di prendersi cura di sè. Secondo la cultura coreana l’aspetto fisico è in grado di rispecchiare l’interiorità di una persona.

Nel prenderci cura quotidianamente della nostra pelle non dobbiamo avere tanti prodotti a disposizione, ma piuttosto utilizzare i prodotti giusti che sappiano svolgere adeguatamente il loro compito e usarli nell’ordine esatto.

Vediamo di approfondire il tema di skincare spiegando di cosa si tratta, quali passaggi bisogna eseguire, quali prodotti utilizzare, come impiegarli e quante volte adoperarli.

Tabella dei Contenuti

Cos'è la skincare?

Letteralmente la parola skincare significa cura della pelle. Avere una bella pelle non è soltanto una questione di DNA, ma di abitudini quotidiane nel prendersene cura. In commercio c’è un numero esorbitante di prodotti, da quelli detergenti a quelli che idratano fino a quelli che proteggono dai raggi UV.

Origini e successo della Skincare Coreana

Per risalire all’origine della skincare bisogna andare a ritroso nel tempo, poiché tutto ha avuto inizio in Corea. Nell’era dei “Tre Regni”, compresa tra il 57 a.C e il 668 d.C., c’era l’abitudine di fare uso di cosmetici conservati dentro recipienti in terracotta. Tra il 918 e il 1392 le persone cominciarono a prendersi cura della propria pelle e del proprio aspetto fisico, tanto che la Corea aprì il commercio estero e cominciò a introdurre nuovi ingredienti nella realizzazione dei cosmetici.

Il primo cosmetico proveniente dalla Corea fu il “Bakabun”, una specie di cipria traslucida. La K-beauty raggiunse il boom in tutto il mondo con l’arrivo della BB cream (nacquero in Germania ma i coreani le hanno rese performanti e famose in tutte il mondo): una crema a gradazione colorata che svolge in un unico passaggio diverse funzioni -idratazione, make-up e protezione solare. Proprio in quel momento sul web cominciarono ad apparire sugli e-commerce i primi prodotti skincare coreani.

Si stima (non è un’esagerazione) che i prodotti cosmetici utilizzati ogni giorno dalle donne coreane, per la cura del viso, arrivino a 15; è anche vero che nel corso del tempo anche gli step della skin care routine coreana sono diminuiti, anche grazie alla nascita di prodotti multitasking di nuova generazione che ricoprono diversi step.

Sai che tipo di pelle hai?

Test della pelle

In Occidente abbiamo cifre molto diverse e questo fa capire quanto la skin care sia importante nel paese asiatico, anche se negli ultimi anni il rituale di bellezza sta prendendo piede anche da noi. Molti degli attivi o ingredienti cosmetici che ritroviamo oggi anche nei cosmetici prodotti in Occidente provengono dalla Corea del Sud .

Per esempio il latte d’asina o la bava di lumaca, ma soprattutto gli estratti fermentati (soia, Tè verde, fagioli verdi, funghi…) i lactobacilli, i saccaromiceti e i galactomiceti. Come tutti gli ingredienti dell’Hanbang (medicina tradizionale coreana) a cui una parte della cosmesi coreana si ispira anche, troviamo tra gli attivi dei cosmetici coreani anche il ginseng, la centella asiatica, i funghi Reishi, la Houttuynia Cordata, l’artemisia per citarne alcuni.

Quanto tempo occorre per la Skincare?

Oggi la skincare coreana spopola ovunque, ma per avere l’effetto porcellana sulla pelle è davvero necessario impiegare tanti prodotti e tanto tempo tutti i giorni?

Assolutamente no! Non dipende sicuramente da quanti prodotti utilizziamo, ma sicuramente uno dei fattori principali è la genetica, inoltre anche molti coreani hanno problemi di pelle, soprattutto acne e impurità.

I famosi 10 step possono essere ridotti a 7, poiché alcune operazioni come la maschera in tessuto, l’esfoliazione o la sleeping mask non vanno fatti tutti i giorni, ma una o due volte a settimana o secondo necessità; inoltre bisognerebbe strutturare la propria skincare in base al proprio tipo di pelle e quindi si possono ridurre i cosmetici da stratificare.

Una pelle secca o normale a tendenza secca non ha bisogno di fare il doppio lavaggio (double cleansing) una pelle grassa o molto grassa magari può usare meno step centrali (quelli dell’idratazione) o usare un prodotto multifunzionale che magari faccia da essence/ siero/ idratante come per esempio Hyggee One Step Facial Essence Fresh – 110ml.

Inoltre le ultime tendenze in fatto di cosmesi in Corea sono prodotti che si chiamano Essence ma si presentano nella confezione come sieri o Ampoule. La essence coreana è quel cosmetico che si posiziona tra tonico e siero sia come stratificazione nei diversi step sia come consistenza, ha una maggior concentrazione di attivi e per questo assomiglia ad un siero. Recentemente sono usciti in commercio questi prodotti che appunto si chiamano Essence ma appaiono come un siero o ampolla (Ampoule), hanno la stessa consistenza e magari le pelli con più sebo o semplicemente chi non ama mettersi troppi prodotti le può usare appunto nello step del siero come due in 1, velocizzando così la sua skincare viso. Come per esempio:

  • Skinfood Royal Honey Propolis Enrich Essence – 50ml
  • Isntree Hyaluronic Acid Water Essence – 50ml
  • Medi-Peel Peptide9 Volume All In One Essence – 100ml

Passaggi Skin care: quali sono?

Il risultato finale di ogni routine di cura della pelle è risolvere i problemi e lavorare su qualsiasi area critica su cui desideriamo ottenere i risultati più soddisfacenti, siano essi macchie, acne o impurità, pelle mista o asfittica, ruvida, poco elastica, con rughe.

Bisogna essere consapevoli che la pelle non cambia la propria genetica ma può migliorare, possiamo quindi ottenere una pelle in salute, più morbida, levigata, pulita e luminosa.

Le routine di bellezza sono soltanto uno dei tanti modi per guardarci allo specchio e notare i cambiamenti dentro di noi, poiché con il trascorrere degli anni, anche la pelle ha bisogno dei suoi prodotti specifici. Non si tratta di creare una pelle perfetta, ma trasformare dei semplici passaggi in un rituale quotidiano a sua difesa, per proteggere la pelle e mantenerla al meglio.

Ecco i principali skin care passaggi:

  • pulizia
  • idratazione
  • rotezione

Pulizia viso

Lavarsi il viso è la prima operazione basilare di qualsiasi routine. Ogni giorno la pelle viene a contatto con inquinanti ambientali che andrebbero rimossi almeno due volte al giorno, preferibilmente la mattina e la sera per evitare che i pori si ostruiscano e siano responsabili di opacità e acne.

Inoltre mai andare a dormire con il trucco; struccarsi la sera è una delle prime regole per avere una pelle sana e per contrastare pelle asfittica e opaca.

Idratazione

La pelle a contatto con detergenti e acqua calcarea alza il suo Ph che diventa alcalino, occorre riacidificarla tramite un prodotto con Ph 5.5 simile alla pelle, il tonico.

Il tonico va passato dopo la detersione del viso per eliminare le eventuali impurità residue, dona una prima idratazione e prepara la pelle ai trattamenti successivi. Di solito contiene nutrienti che aiutano gli altri prodotti a essere assorbiti meglio dalla pelle.

Alcuni ingredienti da cercare in un tonico sono: alfa, beta e poli idrossiacidi (AHA, BHA, PHA se vogliamo esfoliare), acido ialuronico, acqua di rose ( per un’idratazione profonda), Tè verde e Houttuynia Cordata, (azione anti-ossidante e anti-batterica) Niacinamide, vitamine E e C per un’azione anti-macchia, illuminante, Probiotici ed estratti fermentati per rinforzare le barriere cutanee.

Il tonico in base alla sua consistenza va applicato con il dischetto (azione pulente) oppure se più denso e lattiginoso con la punta delle dita.

A seguire poi gli altri step centrali della skincare riservati ad idratare la pelle, ovvero fare in modo che l’acqua in essa contenuta non evapori contrastando la TEWL ( Trans Epidermal Water Loss).

L’idratazione è un’operazione importante, per mantenere bella e in salute la nostra pelle. In base al proprio tipo di pelle si faranno più o meno step – ovvero dopo il tonico si continuerà con essence, siero e crema idratante – con consistenze più o meno ricche e quindi più o meno occlusive.

L’occlusività di un prodotto è ciò che non fa evaporare l’acqua e quindi preserva l’idratazione e la buona salute della nostra pelle, fa ciò che dovrebbe fare il sebo, in sua vece.

Quando la pelle è ben idratata appare elastica, morbida e liscia. Questo è un fattore fondamentale perché evita l’invecchiamento precoce e il formarsi delle rughe.

Protezione solare

Evitare il formarsi di rughe, macchie e pori dilatati dipende anche dalla protezione dai raggi UV primo fattore non solo di invecchiamento cutaneo ma anche di ossidazione delle cellule e quindi di tumori della pelle.

Per questo è importante proteggersi dai raggi solari con una crema solare con SPF alto anche nella brutta stagione, anche quando il sole non c’è, tutto l’anno.

Skin care passaggi: come farli al meglio

Nella Beauty Routine possiamo contare 10 skin care passaggi e per metterli in pratica sono sufficienti 15-20 minuti, mattina e sera.

  1. Detersione oleosa. Detergiamo il viso con un prodotto a base oleosa, che asporta via trucco, sporcizia e impurità per affinità, in questo modo elimineremo sebo, trucco, impurità e smog.
  2. Detersione a base acquosa ovvero con detergente schiumoso. Step che non è gradito a tutti i tipi di pelle; consiglio di evitarlo se si ha la pelle normale a tendenza secca, pelle secca e anche sensibile. Per completare la prima fase di skincare occorre passare sulla pelle un detergente schiumoso: con questo passaggio andiamo a eliminare eventuali residui e cellule morte.
  3. Esfoliazione. L’esfoliazione rimuove le cellule morte, assottiglia la grana della pelle e favorisce il rinnovamento cellulare, preparando la pelle ai trattamenti successivi; è preferibile farla nella routine della sera, per evitare di andare in giro con il viso arrossato e per non sollecitare troppo la pelle. Non occorre fare questo step tutti i giorni, ci si regola in base alle esigenze della propria pelle, senza esagerare; si sceglie un tipo di esfoliante e si usa solo quello: una eccessiva esfoliazione può solo fare danni, impoverendo le barriere di difesa della pelle e il suo microbiota. Come ho già spiegato esistono diversi tipi di esfoliazione meccanica ed esfoliazione chimica; si sceglie in base al tipo di pelle. In caso di pelle acneica e infiammata evitare gli scrub granulari, preferire le maschere wash-off o i gommage/ peeling (ovvero gel esfolianti che con il massaggio producono dei pallini come la gomma da cancellare) come ad esempio Haruharu Wonder Black Rice Soft Peeling Gel – 100ml o anche Cosrx Low Ph Good Night Soft Peeling Gel – 120ml
  • Tonificazione. Possiamo applicare il tonico con un dischetto di cotone, passandolo sulla pelle dal centro del viso verso l’esterno con un solo movimento, oppure direttamente con le mani.
  • Essence. L’essenza può avere diverse consistenze, da quelle più liquide a quelle più simili ad un’emulsione, quindi lattiginosa. A metà tra tonico e siero è un pieno di attivi, perfetta per quelle pelli con produzione di sebo in eccesso che possono evitare diversi step usandola come tonico/siero o anche emulsione viso idratante. Non è indispensabile, ma io non ne posso più fare a meno!
  • Siero-Ampoule-Booster. Questo è uno step che spesso si fa di sera, soprattutto se al mattino non si ha tempo di aspettare qualche minuto fra l’applicazione di uno step e l’altro. Il cosmetico usato va dritto al punto, ovvero lo si sceglie per la problematica da trattare, sia essa pelle infiammata, pelle rugosa, iper pigmentazione.
  • Sheet mask. È una maschera in tessuto imbevuta di principi attivi con effetto purificante, idratante e illuminante. Si possono usare all’occorrenza, quindi non è necessario usarle tutti i giorni, hanno un ottimo effetto pronto soccorso. Le sheet mask coreane sono in tessuto o in bio cellulosa e intrise di siero più o meno cremoso o acquoso.
  • Contorno occhi. Per uno sguardo radioso ci sono prodotti specifici per il contorno occhi. Oltre a creme e sieri specifici che contrastano, rughe, borse e occhiaie consiglio Mary&May Tranexamic Acid + Gluthation Eye Cream – 30g
    o Ondo Niacinamide & Green Tea Eye Serum – 15ml per questa delicata parte del viso. Inoltre, una novità che fa parte della skincare coreana sono i patch occhi, delle maschere in hydrogel nate per contrastare le borse, le occhiaie e le piccole rughe attorno agli occhi, un vero pronto soccorso da usare al momento per un effetto immediato.
  • Crema viso. Terminiamo la nostra skincare quotidiana con l’idratazione scegliendo una crema viso adeguata alle caratteristiche del nostro tipo di pelle. La crema idratante ha lo scopo di “sigillare” la nostra skincare, preservando idratazione e morbidezza della pelle; per la routine della sera possiamo usare anche una sleeping mask, un qualcosa in più di una semplice crema da notte, che si applica in uno strato più spesso e si lascia agire durante il riposo notturno.
  • Protezione solare. Dobbiamo ricordarci che la pelle va protetta dai raggi UV tutti i giorni anche se non siamo in spiaggia e anche quando sembra che il sole non ci sia. Ovviamente questo step è riservato alla skincare del giorno.

Skin care passaggi: quante volte farli?

La skincare va fatta due volte al giorno, preferibilmente la mattina e la sera.

Non bisogna esagerare con la pulizia del viso perché potrebbe essere compromesso l’equilibrio del Ph e aggredire il film idrolipidico.

Possiamo fare un’eccezione qualora la nostra pelle fosse molto oleosa. Per esempio, come abbiamo avuto modo di vedere, i 10 steps della skincare routine prevedono una doppia detersione della pelle: una con un prodotto oleoso e l’altra con un prodotto a base acquosa che ho già specificato non è adatta a tutti i tipi di pelle.

Skin care passaggi: quali cosmetici utilizzare

La skincare quotidiana prevede l’utilizzo di svariati prodotti.

I componenti cambiano in base al nostro tipo di pelle. Un prodotto che serve per trattare una pelle grassa non avrà gli stessi ingredienti e neanche la stessa formulazione di quello specifico per le pelli secche.

I cosmetici coreani si contraddistinguono per un’alta concentrazione di attivi in formulazioni performanti e molto confortevoli, con un’ottima sensorialità di utilizzo. I prodotti per fare gli skin care passaggi sono:

  • detergente a base oleosa
  • detergente a base acquosa o schiumosa
  • esfoliante
  • tonico
  • essence
  • siero
  • crema contorno occhi
  • maschera viso
  • crema viso / sleeping mask notte
  • protezione solare.

Autore

Alessandra Frontini

Alessandra Frontini

Ciao sono Alessandra!

Ho creato lo shop My Beauty Routine per condividere con te la mia esperienza nel mondo della cosmesi coreana ed offrirti il meglio della K-Beauty. Sul blog di My Beauty Routine troverai tutti i miei consigli per prenderti cura della tua pelle e per usare al meglio i cosmetici coreani!

Articoli Correlati